Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Maggio 2018

Er “Cinque Maggio”

Er “Cinque Maggio”

***

“Ei fu. Siccome immobile” l’inizzio

de l’ode “Cinque Maggio” de Manzoni

e nun c’è 5 maggio che nun sòni

ne l’immortalità de cui è l’indizzio.

***

La musicalità tra l’emozzioni

de frasi celebberrime da sfizzio,

a perpetrà ben ortre er vitalizzio

le gesta de quer capo de nazzioni …

***

… che ancora qui riecheggia ne la Storia

e in tutta l’ode è tinto e pennellato

pe regalaje eterna la memoria.

***

E tant’è ardua ar punto la sentenza

che a la domanna si fu vera gloria,

da posteri noi ancora stamo senza. 

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. “Ei fu. Siccome immobile” l’inizzio
    de l’ode “Cinque Maggio” de Manzoni
    e nun c’è 5 maggio che nun sòni
    ne l’immortalità de cui è l’indizzio. … (continua)

    Comment by Stefano — 5 Maggio 2016 @ 08:36
  2. Bongiorno. ER quesito è arquanto difficile da risorve. Che ce fossero gloria, valore e acume strategico nun se discute. quello che lascia ‘nterdetti è la moralità e cupidigia, cose che ‘nfettano chiunque raggiunge il “POTERE”.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 5 Maggio 2016 @ 10:25
  3. Il 5 maggio era il compleanno della mia mamma! e lo ricordo per questo non certo per la morte di un dittatore, che non so se merita o no la gloria, per me, NO. Comunque,Stefano, bel sonetto!
    Buon Sabato.

    Comment by maria letizia — 5 Maggio 2018 @ 13:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>