Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

12 Maggio 2016

Auguri Fouzia

Auguri Fouzia

***

Quest’è pe te, mia cara cognatina,

ner giorno esatto der tuo compreanno

come un bijetto, quelli che se fanno

pe fà l’auguri co la porporina.

***

Auguri, li mijori che ce stanno,

de ‘gni felicità più canterina,

de giorni co la gioja frizzantina,

senza né un cruccio, mai, senza un affanno.

***

Ma ortre che pe augurio ‘sto bijetto

vò èsse un “grazzie” a te pe come sei,

espresso a modo mio, ossia a sonetto.

***

 Grazzie pe ‘gni soriso che arigali,

che nun so mica ‘ndó lo prenni o crei,

ch’è segno de dorcezza senza eguali.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Quest’è pe te, mia cara cognatina,
    ner giorno esatto der tuo compreanno
    come un bijetto, quelli che se fanno
    pe fà l’auguri co la porporina. … (continua)

    Comment di Stefano — 12 Maggio 2016 @ 02:15
  2. Bongiorno. Si m’è permesso m’associo a l’auguri, auguranno serenità, salute e de conseguenza felicità.

    Comment di 'svardo AsR '929 — 12 Maggio 2016 @ 08:15
  3. Anche da parte mia TANTI AUGURI di tutte le cose migliori che sono nel mondo!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 12 Maggio 2016 @ 09:47
  4. Buon compleanno a una ragazza adorabile, a una persona sempre allegra e sorridente, nobile d’animo e generosa, ad un’amica sincera ed a una cuoca eccellente!!!

    Comment di Silvio — 12 Maggio 2016 @ 10:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>