Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

14 Maggio 2016

Trilussa – Le delibberazzioni der portiere

Le delibberazzioni der portiere

***

Er padrone me disse: “V’ho avvisato

che nun vojo vedé ‘sta porcheria:

si nun pulite mejo casa mia

finisce che ve levo er portierato”.

***

Dico: “Co che diritto caccia via

un portiere coscente e organizzato?

Ma che pretenne? Ch’er proletariato

scopi l’avanzi de la borghesia?

***

Io, dico, nun ammetto imposizzione

e badi a quer che fa, ché da stasera

je pianto er capo lega sur portone …

***

… poi proclamo lo sciopero cor quale

si viè appoggiato da la cammeriera,

j’annerà addietro tutto er perzonale!”

***

Trilussa

______________________

***

  1. Er padrone me disse: “V’ho avvisato
    che nun vojo vedé ‘sta porcheria:
    si nun pulite mejo casa mia
    finisce che ve levo er portierato”. … (continua)

    Comment di Stefano — 14 Maggio 2016 @ 07:32
  2. Bongiorno. Mbeh? Quasi com’adesso, allora c’era ‘a Lega e mo ce sta ‘a Triplice. Che ce sia er diritto de sciopero è ok, ma che diventa ‘n’abuso p’ogni cardello che vola, nun tie’.

    Comment di 'svardo AsR '929 — 14 Maggio 2016 @ 12:03
  3. Ah Ste’, ‘n a domanna: ma li cocchie, quello d’a bibita limone, zenzero’ e curcuma, che fa dimagri’, l’hai provato?

    Comment di 'svardo AsR '929 — 14 Maggio 2016 @ 12:07

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>