Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Maggio 2016

Fà der bene

Fà der bene

***

A fà der bene nun ce s’arimette,

nun dà mai retta a canti popolari

de carci in faccia dati da somari,

sò cattiverie e pure contraddette.

***

Anzi, ner fà der bene, nun sò rari

li casi in cui chi dà riceve rette

assai maggiori de quelle che mette

e anche soddisfazzioni senza pari.

***

Pe dì … un regalo, a titolo d’esempio,

a fàllo, provo spesso più piacere

che a èsse io a ricevelo e me riempio.

***

De modi ce ne stanno cento e cento,

scejile tu le strade e le magnere,

ma fa’ der bene e già vivrai contento. 

 ***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. A fà der bene nun ce s’arimette,
    nun dà mai retta a canti popolari
    de carci in faccia dati da somari,
    sò cattiverie e pure contraddette. … (continua)

    Comment di Stefano — 26 Maggio 2016 @ 08:56
  2. Vero…..anche a me da più piacere dare che ricevere, ma non siamo tutti così purtroppo!

    Comment di laura — 26 Maggio 2016 @ 09:28
  3. Io son spezzino e mi diletto , a legger e scrivere in dialètto del romanesco son affascinato perché a Roma parecchio ce son stato. e se avete ‘n po’ de compiacenza ,iovado e pio ‘sta licenza.
    Er cafè ( dialèto spezino)

    Dizè quelo ch’a voré
    ma avé torto s’a dizé
    Che na bibita la gh’è
    Che sia mégio der cafè !
    I v’agiuta a digestión ,
    I v’acomoda ‘r magon
    E i ve fa d’ümoe ciü bón
    S’avé a testa ‘nte ‘r balon.
    Fra i cafè peò ch’i van
    Mèi portà ‘n parma de man ,
    E che a barba ai àotri i fan
    Gh’è ‘r cafè dito Sürtan.
    Del poeta dialettale spezzino Ubalbo Mazzini

    Comment di mirco — 26 Maggio 2016 @ 10:06
  4. Bongiorno. A fa der bene, nun ce se rimette, perché er solo atto già t’ariempie de tua soddisfazzione. Dopo, però, scordetene, ché si nun tene vie’ er ricambio, te ne pòi penti’. Infatti er vero atto nun s’ha d’aspettà manco ‘a riconoscenza: “sinnò che bene è?” (detto a la Manfredi)

    Comment di 'svardo AsR '929 — 26 Maggio 2016 @ 11:04
  5. Mentre lavoravo ho cercato di aiutare, per quanto possibile, qualche persona in difficoltà e mi sono resa conto che, a distanza di qualche anno, quelle persone, delle quali mi ero completamente dimenticata, ancora si ricordavano di me. Sono state “…soddisfazzioni senza pari …” Dice il proverbio: fai del bene e scordalo, fai del male e pensaci.
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 26 Maggio 2016 @ 11:54
  6. Non mi sono mai pentito del bene fatto, neanche quando ho poi ricevuto pugnalate alle spalle!

    Comment di Silvio — 26 Maggio 2016 @ 12:15
  7. Ieri a la stazione dr Lidi Centro c’era ‘n’omo che araccatava e cicche, Propio malannato. So’ ito ar tabaccaro, ho comprato ‘n pacchetto de sigherette e l’ho dato quell’omo. E’ arimasto des tucco, meravijato, quasi se metterva ‘n ginocchio p’aringrazziamme. Er tabaccaro, che aveva seguito er giro, m’ha applaudito.
    Dopo me so’ pentito: ‘nvece de le sigherette, potevo da’ li 5 €uro ar poraccio, magara ce magnava quache cosa ‘nvece de fumassele.

    Comment di 'svardo AsR '929 — 26 Maggio 2016 @ 15:48

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>