Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Giugno 2016

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er fìo de la vedova”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er fìo de la vedova”

***

Annava su a Nain, guasi a la porta,

quanno Gesù incrociò la processione

pe un ragazzo morto e tra er magone,

de la sua pora madre, a piagne smorta.

***

Gesù a cui je prese commozzione,

je disse: “No, nun piagne!” e, appena scorta,

tocco la bara der regazzo avvorta

da odori e da l’aromi de l’unzione.

***

Poi s’arivorze a quer regazzo e forte

je disse: “Daje àrzete” e ar momento

quer fìo venne strappato da la morte.

***

Er popolo lì intorno a quel’evento

gridò: “Dio cià guidato in de ‘sta sorte

e cià dato un Profeta de talento”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Annava su a Nain, guasi a la porta,
    quanno Gesù incrociò la processione
    pe un ragazzo morto e tra er magone,
    de la sua pora madre, a piagne smorta. … (continua)

    Comment by Stefano — 5 Giugno 2016 @ 07:34
  2. Bello! Uno dei tanti miracoli che Gesù continua ancora a fare!
    ….
    Il Pensiero del Giorno si riferisce forse alla Roma Primavera? Bella Roma e bella partita, come al solito hanno provato a impiccarcela.
    Buona domenica!

    Comment by letizia — 5 Giugno 2016 @ 12:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>