Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Giugno 2016

Dar Vangelo der giorno: “seguì er Signore”

Dar Vangelo der giorno: “seguì er Signore”

***

Salì a Gerusalemme e ner traggitto

fu anticipato da li messaggeri,

ma arcuni nun amanti de stragneri,

nun vollero ospitallo e tirò dritto.

***

Poi incontrò chi aveva desideri

de stà a seguillo e Lui: “Nun sto in affitto,

nun ciò un posto ‘ndó vantà er diritto

de posà er capo e spenge li penzieri”.

***

Tra artri che incontrò in mezzo a l’orti

c’è chi ciaveva voja a staje a un metro,

ma prima d’abbraccià parenti e morti.

***

E lì Gesù je disse: “Er Mio disegno,

nun è pe chi se vòrta a guardà addietro,

ma pìa l’aratro e va verso er Mio Regno!”

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Salì a Gerusalemme e ner traggitto
    fu anticipato da li messaggeri,
    ma arcuni nun amanti de stragneri,
    nun vollero ospitallo e tirò dritto. … (continua)

    Comment by Stefano — 26 Giugno 2016 @ 07:20
  2. Bellissima……

    Comment by laura — 26 Giugno 2016 @ 07:24
  3. E’ un Gesù piuttosto duro quello di oggi: Lo si deve seguire senza indugi e senza guardare indietro! Lo sappiamo fare?
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 26 Giugno 2016 @ 11:13

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>