Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Luglio 2016

La vicinanza

La vicinanza

***

T’accorgi, spesso in brutte circostanze,

de quanto t’ariscalla un solo abbraccio,

‘no squillo o anche un messaggio e er momentaccio

da te come si prenne le distanze.

***

La vicinanza smorza er penzieraccio,

de affrontà da soli porte e stanze

che nun voresti mai passà … ma a danze

nun sempre in de ‘sta vita è er canovaccio.

***

Dentr’a un soriso o ‘na stretta de mano,

come in quarziasi gesto d’amicizzia,

ce sta più forza de un aeroplano …

***

… ché te fa ripartì … tutto rinizzia,

potenza che cià ‘gni essere umano,

de trasformà ‘gni pianto in letizzia.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. T’accorgi, spesso in brutte circostanze,
    de quanto t’ariscalla un solo abbraccio,
    ‘no squillo o anche un messaggio e er momentaccio
    da te come si prenne le distanze. … (continua)

    Comment by Stefano — 6 Luglio 2016 @ 08:34
  2. Bellissima!!!!!! e come c’hai ragione!
    Buona Giornata (piena di abbracci)

    Comment by letizia — 6 Luglio 2016 @ 08:47
  3. Bongiorno. E’ propio così; certe vòrte abbasta ‘na stretta de mano, ‘na pèarola de’ ncoraggiamento, pe’ datte l’impressione de nun esse’ solo. Ner monno ce sta sempre quarcuno che ce vòle bene. E’ solo d’ariconoscello.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 6 Luglio 2016 @ 09:18
  4. Molto profonda la riflessione, poetica e soprattutto veritiera. Questo tipo di sentimento e di sensazione è una di quelle preziosissime cose che non si comprano con il denaro!

    Comment by Silvio — 6 Luglio 2016 @ 09:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>