Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

26 luglio 2016

Ormai er Tiggì

Ormai er Tiggì

***

Ormai er Tiggì nun cià più ‘na notizzia

che nun sia ‘na traggedia colossale,

pare ‘na gara a chi fa più der male

e chi aricconta pare ce se sfizzia.

***

Ché già a la sigla der teleggiornale,

er titolo sorprenne pe mestizzia,

si nun c’è er morto subbito se inizzia

de certo co un solenne funerale.

***

Lo so che questo è quello ch’offre er monno

che de ‘sti tempi, ormai, gira ar contrario,

ma certe scene, macabbro profonno …

***

… potrebbero passà in ben artro orario,

no quanno che se cena a toje er sonno

co immaggini der peggio planetario.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Ormai er Tiggì nun cià più ‘na notizzia
    che nun sia ‘na traggedia colossale,
    pare ‘na gara a chi fa più der male
    e chi racconta pare ce se sfizzia. … (continua)

    Comment by Stefano — 26 luglio 2016 @ 08:30
  2. Non mi sembra che nei tempi antichi le cose andassero meglio: da Caino in poi, chi più ne ha più ne metta. E’ solo che i tg ci si “sfizziano” e giocano a chi racconta la notizia più ricca e piena di particolari sanguinosi con gli “inviati” che hanno del compiacimento a parlarne. Una volta il mestiere del giornalista era una cosa seria, oggi, a parte qualcuno, tutto sembra un macabro teatrino.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 26 luglio 2016 @ 09:25
  3. I media contribuiscono in misura decisiva a fare terrorismo psicologico e ad amplificare una vera e propria strategia della tensione già innescata da anni a livello planetario!

    Comment by Silvio — 26 luglio 2016 @ 09:48
  4. Buongiorno a chi m’ha preceduto e all’artri.
    Considerato che, personarmente nun ce posso fa’ gniente pe’ ferma’ er progredi’ de sto cataclisma totale, nun m’a pijo più de ste notizie catastrofiche. Le vedi, senti e leggi su tutti i TG, tutti i giornali, ner sociale: ormai è ‘na piaga.
    Ce pensasero l’istituzioni locali, nazionali e universali a nun falla diventa’ un “decubito” insanabile. Affannacene noi a staje appresso, vòrdi’ solo: ammalasse.
    In genere: avemo voluto e ‘ncrementato er progresso globale? Mo ce tenemo l’arisurtato.

    Comment by Romamor AsR29 — 26 luglio 2016 @ 11:23
  5. Scusateme, ho sbajato ha firma’ er commento de sopra; aveva da esse’ “‘svardo”.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 26 luglio 2016 @ 11:26
  6. Aoh! Nun ce còjio più; metto la “h” pure davanti a ‘na “a” che nun tie’ ‘gniente der verbo avere.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 26 luglio 2016 @ 11:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>