Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

30 Luglio 2016

Trilussa – La serva ar telefono

La serva ar telefono

***

Pronto? Pronto? Più forte, nun se sente.

È lei, sor conte, ch’ha telefonato?

Che? Voleva parlà co l’avvocato?

Nun c’è, sta fòra. È ito da un criente.

***

Vò sapé s’aritorna? Nun so gnente,

lui m’ha lassato sola, m’ha lassato.

Che dice? Viè qua lei? Come? Ch’è stato?

Dico … sor conte, che je sarta in mente?

***

E già … ciamancherebbe puro questa!

Si viè … nu’ j’apro … nu’ je la do vinta.

Pe chi m’ha preso? So’ ‘na donna onesta!

***

Embè? La pianta? Gnente ce vò un pugno?

Lei badi a come parla, ché so’ spinta

de daje ‘sto telefono sur grugno!

***

Trilussa

____________________

***

  1. Pronto? Pronto? Più forte, nun se sente.
    È lei, sor conte, ch’ha telefonato?
    Che? Voleva parlà co l’avvocato?
    Nun c’è, sta fòra. È ito da un criente. … (continua)

    Comment di Stefano — 30 Luglio 2016 @ 00:46
  2. Buon Sabato e sempre FORZA ROMA!

    Comment di letizia — 30 Luglio 2016 @ 09:50
  3. Bongiorno. E’ l’urtimo sabato de lujo e poi ce saranno quelli d’agosto. Ah, si stamo a aspetta’ quello der 20.
    Valli a capi’ sti sonetti ermettici der Trilissa; chissà che je chiedeva, er conte, a la serva?

    Comment di 'svardo AsR'29 — 30 Luglio 2016 @ 12:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>