Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

24 Agosto 2016

Aiutà Amatrice

Aiutà Amatrice

***

Quela città d’aringrazzià ner monno

pe pasta e sugo noti d’Amatrice,

un piatto a cui nun pò sussiste un vice,

l’èsse svejata, quanno è in pieno sonno, …

***

… dovrebbe èsse pe brezza motrice,

a faje ‘na carezza ner profonno,

no p’er disastro, peggio finimonno,

de un teremoto che, fino in radice, …

***

… come quello potente de stanotte

che l’ha sdrajata senza fà eredi,

tra puzzo de macerie e d’ossa rotte.

***

Mó senza cincischià tra sedie e sedi,

va aiutata, no co frasi scotte,

ma veramente va rimessa in piedi.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Quela città d’aringrazzià ner monno
    pe pasta e sugo noti d’Amatrice,
    un piatto a cui nun pò sussiste un vice,
    l’èsse svejata, quanno è in pieno sonno, …

    Comment by Stefano — 24 Agosto 2021 @ 04:10
  2. Quel terremoto è stata una cosa terribile: trecento morti, migliaia di sfollati, non so quanti feriti e terrorizzati. Ancora oggi tutte le abitazioni non sono sicure. E i nostri “governanti” cosa fanno?

    Comment by letizia — 24 Agosto 2021 @ 13:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>