Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

24 Agosto 2016

Aiutà Amatrice

Aiutà Amatrice

***

Quela città d’aringrazzià ner monno

pe pasta e sugo noti d’Amatrice,

un piatto a cui nun pò sussiste un vice,

l’èsse svejata, quann’è in pieno sonno, …

***

… ar massimo potrebbe fà a ‘st’attrice

un vento a accarezzalla ner profonno,

no quer disastro, peggio finimonno,

de un teremoto che, fino in radice, …

***

… come quello potente de stanotte

l’ha rasa ar sòlo, senza lassà eredi,

tra puzzo de macerie e d’ossa rotte.

***

Ma senza ce lo implori o che lo chiedi

mó va aiutata, a coste de fà a botte

e co li sforzi va arimessa in piedi.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Quela città d’aringrazzià ner monno
    pe carbonara e sugo, ossia Amatrice,
    du’ piatti a cui nun pò sussiste un vice,
    l’èsse svejata, quann’è in pieno sonno, … (continua)

    Comment by Stefano — 24 Agosto 2016 @ 14:55
  2. Ma che cosa possiamo commentare: è un disastro spaventoso, sette anni dopo e alla stessa ora. Spero che le istituzioni prendano immediatamente opportuni rimedi per dare una casa ai superstiti. Che il Signore accolga le anime dei defunti nella Sua Pace.

    Comment by letizia — 24 Agosto 2016 @ 16:22

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>