Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

31 Agosto 2016

Urtimo giorno d’agosto

Urtimo giorno d’agosto

***

L’urtimo giorno, quanno ch’è d’agosto,

cià quer sapore de malinconia

de un’artra estate ch’è volata via

fine vacanza e tutto torna ar posto.

***

Magara è solo un’impressione mia,

ma in questo giorno che sa già de mosto

un velo de tristezza scegne tosto

come a smorzamme ‘gni artra fantasia.

***

Ma è giusto, nun se pò sempre stà in ferie

e tocca prima o poi tornà ar lavoro

ar solito tran-tran de cose serie …

***

… ché tanto basta poco e nun m’accòro,

co ‘sto penziero che spigne l’arterie,

è un attimo e viè er tempo der “pandoro”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. L’urtimo giorno, quanno ch’è d’agosto,
    cià quer sapore de malinconia
    de un’artra estate ch’è volata via
    fine vacanza e tutto torna ar posto. … (continua)

    Comment di Stefano — 31 Agosto 2016 @ 07:56
  2. Fine della giostra, altro giro, altra corsa…

    Comment di Silvio — 31 Agosto 2016 @ 10:05
  3. Oggi pioviggina, sembra già autunno.
    Concordo con il Pensiero del Giorno: NON DIMENTICHIAMOLI!
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 31 Agosto 2016 @ 10:36
  4. Bongiorno. Puntuale, cor sonetto, è arivata ‘a conferma che l’estate è finita ……. PIOVE! Auguro a tutti de pote’ ariprenne er tran tran lavorativo e pe’ quelli che nun hanno er lavoro de trovallo.
    ……..
    Er popolo,’n genere, nun dimentica: se ricorda ancora er Belice, l’Irpinia e …. L’Aquila; chi scòrda facirmente so’ l’Istituzioni.

    Comment di Romamor AsR29 — 31 Agosto 2016 @ 11:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>