Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

28 Settembre 2016

Fa’ speciale er giorno normale

Fa’ speciale er giorno normale

***

Perfetto er giorno de ‘na ricorenza

o anniverzario o festa o compreanno,

fai bene a ricordalli e già un comanno,

e nun li fa passà che resti senza.

***

Ma è bello aricavasse tutto l’anno

quer giorno lì da celebbrà l’essenza,

scejilo tu, qualunque a l’occorenza,

anche si tutti l’artri nun la sanno.

***

Un’amicizzia o una promozzione,

una conquista o perché no un addio,

o una quarch’artra tua motivazzione.

***

Un modo questo come quello mio,

che uso quanno ho da caccià er magone,

 de che sto giù e lo so sortanto io.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Perfetto er giorno de ‘na ricorenza
    o anniverzario o festa o compreanno,
    fai bene a ricordalli e già un comanno,
    e nun li fa passà che resti senza. … (continua)

    Comment di Stefano — 28 Settembre 2016 @ 08:18
  2. La quotidianità sempre uguale ci schiaccia, ci fa sentire bersagli passivi ed inermi.
    Ogni giorno in realtà è speciale perché è irripetibile, perché non può viversi due volte.
    Bisogna sempre andare a dormire con un sogno e svegliarsi con un obiettivo, ogni giorno!

    Comment di Silvio — 28 Settembre 2016 @ 09:45
  3. Anch’io la penso come Silvio: ogni giorno è unico e irripetibile, cerchiamo di viverlo al meglio!
    Buona giornata Speciale!

    Comment di letizia — 28 Settembre 2016 @ 11:50
  4. Buon meriggio. M’accorgo, con simpatia, de trovamme d’accordo sia co’ Sirvio che co’ Letizia: si, ‘gni giorno è speciale e unico.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 28 Settembre 2016 @ 14:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>