Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 Ottobre 2016

Se pò morì così?

Se pò morì così?

***

Se pò morì buttati a ‘na corzia

pe ore e ore in branda d’ospedale

e tra l’indiferenza generale

der perzonale in bella compagnia?

***

Rispetto zero pe chi stava male,

cinquantasei le ore d’agonia,

su ‘na barella de l’astanteria,

ché c’entra gnente ch’era terminale.

***

Er fìo che, se dà er caso, è giornalista

che scrive a Lorenzin, ch’è la ministro

de ‘na Salute, sì … e de chi l’ha vista ?!?

***

Che a quarcuno, certo, tocca dillo,

ma tanto mó chi paga p’er sinistro?

Nisuno … fórze giusto San Camillo!

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Se pò morì buttati a ‘na corzia
    pe ore e ore in branda d’ospedale
    e tra l’indiferenza generale
    der perzonale in bella compagnia? … (continua)

    Comment by Stefano — 7 Ottobre 2016 @ 04:56
  2. Bongiorno Ste’. Si commento posso esse’ feroce; mejo che m’astengo.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 7 Ottobre 2016 @ 09:22
  3. L’Italia sta andando in malora in tutte le sue manifestazioni: sanità, scuola, trasporti ecc. ecc. Adesso, però ci pensa renzi a “sistemarci”.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 7 Ottobre 2016 @ 09:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>