Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

8 Ottobre 2016

Trilussa – Uno sbajo

Uno sbajo

***

Senteme questa si nun è carina:

Checco er portiere, ch’era condannato

a sette mesi pe avé arubbato

penzò de fà un’istanza a la Reggina.

***

Doppo tre o quattro giorni, una matina

j’ariva un anveloppe siggillato,

l’apre, lo legge … e sai che cià trovato

scritto drento a la lettera? … Indovina?

***

O sia che c’è ‘no sbajo ner cognome

o sia che pe risponne troppo presto

j’hanno fatto un impiccio, o nun so come, …

***

… er fatto sta che er povero portiere,

invece de la grazzia che j’ha chiesto,

è stato nominato cavajere!

***

Trilussa

_______________________

***

  1. Senteme questa si nun è carina:
    Checco er portiere, ch’era condannato
    a sette mesi pe avé arubbato
    penzò de fà un’istanza a la Reggina. … (continua)

    Comment by Stefano — 8 Ottobre 2016 @ 07:57
  2. In certi uffici gli impiegati sono così zelanti che questo genere di “sbagli” li fanno anche oggi!
    Buon Sabato!

    Comment by letizia — 8 Ottobre 2016 @ 09:58
  3. Bona serata. Magara fossero quelli li sbaji; mo sbajeno artro genere d’uffici: quelli de l’imposte; e so’ dolori!

    Comment by 'svardo AsR'29 — 8 Ottobre 2016 @ 18:07

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>