Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

16 Novembre 2016

La bilancia perzonale

La bilancia perzonale

***

Che ne la vita ce sò delusioni,

infamità d’arivortà la pelle,

momenti che vai avanti co stampelle

e artri de rotture de cojoni …

***

… è verità più certa anche de quelle

de matematica, senza oppignoni,

ma ar paro o, si nun propio, a paragoni,

ce ne stanno artrettante assai più belle.

***

Sta a noi dà er peso giusto a quelle o a queste,

taranno bene er carcolo in bilancia,

tra cose belle qua e là le funeste.

***

Pe nun penzà ar male che ce trancia,

né pe guardà a la vita sempre a feste,

ma pe arternà sorisi e pianti in guancia.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Che ne la vita ce sò delusioni,
    infamità d’arivortà la pelle,
    momenti che vai avanti co stampelle
    e artri de rotture de cojoni … (continua)

    Comment di Stefano — 16 Novembre 2016 @ 08:41
  2. Nella vita di tutti si alternano momenti bui e altri luminosi: bisogna accettarli come vengono. A distanza di anni io personalmente ricordo solo le cose belle.
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 16 Novembre 2016 @ 09:50
  3. Bongiorno. Sarà che andando avanti negli anni i caratteri cambiano e dal bicciere mezzo-pieno si passa a quello mezzo-vuoto. Il fatto è che, tra acciacchi, impedimenti e rogne varie, penso di più al brutto del momento e sempre meno al bello, lontano nel passato. Mah!

    Comment di 'svardo AsR'29 — 16 Novembre 2016 @ 10:43

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>