Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

13 Luglio 2019

Trilussa – Incontri

Incontri

***

Uh, scusi, nun l’avevo conosciuta:

lei sta benone … – E come vò che stia!

Doppo la sbiossa de la malatia

pe quanto ho fatto nun me so’ riavuta.

***

– E ‘sta pupetta? – È la nipote mia.

– Come? Davero? Dio com’è cresciuta!

– Presto, Mafalda, sbrighete, saluta,

dije come te chiami, tira via …

***

– Mafalda – E poi? – Mafalla a li commanni …

– Discore co ‘na grazzia che innamora.

E adesso che età cià? – Nun cià cinqu’anni.

***

– Quant’è caruccia – E avrebbe da vedella,

quanno che vò rifà quarche signora,

come se tira in su la vestarella.

***

Trilussa

____________________________

 ***

  1. Uh, scusi, nun l’avevo conosciuta:
    lei sta benone … – E come vò che stia!
    Doppo la sbiossa de la malatia
    pe quanto ho fatto nun me so’ riavuta. … (continua)

    Comment di Stefano — 19 Novembre 2016 @ 08:38
  2. Bon sabato a tutti. Ok, pare s’annuvola e, ner pomeriggio, fa tempesta.
    Pure ar tempo der Trilussa, se’nsegnava a le regazzine d’atteggiasse a donne grandi. Gniente de nòvo sotto er sole.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 19 Novembre 2016 @ 12:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>