Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 Gennaio 2017

La Befana de quest’anno

La Befana de quest’anno

***

L’Epifania se porta via le feste,

ce lassa er freddo come sostituto,

er bollettino meteo … ‘sto cornuto,

poche parole, ma in sostanza queste.

***

Ché a la Befana, corpa de un imbuto,

così ce stanno a dì ‘ste granni teste,

da nord ariva aria de tempeste

che fa sembrà pinguino ‘gni pennuto.

***

Chissà si li Re Magi sò attrezzati

e invece de venì sopr’ar cammello,

ariveno co renne e ‘mbacuccati.

***

Armeno che facesse come deve,

che ortre a carza, scopa e quer cappello,

ce porti finarmente un po’ de neve! 

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. L’Epifania se porta via le feste,
    ce lassa er freddo come sostituto,
    er bollettino meteo … ‘sto cornuto,
    poche parole, ma in sostanza queste. … (continua)

    Comment di Stefano — 5 Gennaio 2017 @ 08:32
  2. Bongiorno. E annamo! Neve o nun neve, ‘a Befana è arivata e che ce porta? Un sacco d’aumenti de bollette e generi alimentari, co’ l’aggiunta de dovecce paga’ ‘n fottio de medicinali e cure. Nella vita mia nun ho visto ‘na Befana più becera. Auguri W la Befana.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 5 Gennaio 2017 @ 09:44
  3. Le feste sono finite i soldi anche e a me personalmente sono finite pure le idee, pertanto W la Befana, che sulla sua magica scopa si porta via tutto!
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 5 Gennaio 2017 @ 10:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>