Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 Febbraio 2017

Bon compreanno fratellino

Bon compreanno fratellino

***

Bon compreanno caro fratellino,

de l’anni nun ne famo più ‘na conta

ma pure co ‘sta cannelina pronta

pe me arimani sempre piccolino.

***

Sei la perzona che a me m’orizzonta

quanno penzieri e guai fanno un casino,

ma penzo che ce sei e er mio cammino

riprenne come a ritrovà un’impronta.

***

Ner giorno esatto de Santa Scolastica

er 1o de febbraio quant’è bello

fatte un augurio che nun sia de prastica.

***

Me tocca annà ché sòna er campanello,

dopo la mistica, ce sta la mastica:

te vojo bene Pa’ … er mejo fratello!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Bon compreanno caro fratellino,
    de l’anni nun ne famo più ‘na conta
    ma pure co ‘sta cannelina pronta
    pe me arimani sempre piccolino. … (continua)

    Comment by Stefano — 10 Febbraio 2017 @ 09:13
  2. Auguri a una grande persona e a un caro amico!

    Comment by Silvio — 10 Febbraio 2017 @ 09:23
  3. Bongiorno e ….. auguri ar fratello der poveta.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 10 Febbraio 2017 @ 10:19
  4. Tanti affettuosi auguri al Fratellino del nostro Vate!

    Comment by letizia — 10 Febbraio 2017 @ 10:41
  5. Mi commuovi sempre, e sempre sei solo tu a trovare le parole esatte che esprimono quel che sento. Ti voglio bene, fratello mio. Un bene che non ha misura

    Comment by paolo — 10 Febbraio 2017 @ 10:51

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>