Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Febbraio 2017

Eutanasia

Eutanasia

 ***

Co pinze tocco er tema eutanasia,

tarmente me imbarazza l’argomento,

ma c’è un aspetto solo in cui me sento,

armeno lì, de poté dì la mia.

***

De tutto er fatto de un suicidio spento,

in casi de spacciata malatia,

bisogna da evità la terapia,

quanno cià forme più de accanimento.

***

E l’apparente mia contraddizzione,

trova ner Propietario de la Vita,

la sua precisa e certa soluzzione.

***

È sempre Dio a sceje quer seconno

in cui se nasce e mòre e umane dita,

sostituisse a Lui, certo nun ponno.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Co pinze tocco er tema eutanasia,
    tarmente me imbarazza l’argomento,
    ma c’è un aspetto solo in cui me sento,
    armeno lì, de poté dì la mia. … (continua)

    Comment by Stefano — 28 Febbraio 2017 @ 08:22
  2. E’ vero, l’unico dominus della nostra esistenza è Nostro Signore e nessuno può sostituirsi a Lui. Al contempo, però, non va giudicato chi alla propria vita non riconosce sacralità né trascendenza e, consumato dalla sofferenza umana, si arrende!

    Comment by Silvio — 28 Febbraio 2017 @ 09:05
  3. Sono d’accordo: solo il nostro Creatore decide il come e il quando, anche se capisco che ad un certo punto uno non ce la fa più a sopportare qualcosa che non è più vita. Tanta pietà e che il Signore lo perdoni.

    Comment by letizia — 28 Febbraio 2017 @ 10:20

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>