Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Videosonetti

4 Marzo 2017

Er Nasone – videosonetto

***

***

  1. ER NASONE

    Stai ferma lì, chissà chi te cià messo,
    la faccia cor beccuccio a pennolone,
    pe l’artri “fontanella”, sei er “Nasone”,
    dijelo ar cane che te crede un cesso.
    ***
    Hai dissetato un sacco de perzone,
    sputanno l’acqua, pure si in eccesso,
    tant’è che a ripenzacce bene adesso,
    chi cacchio avrà pagato, Pantalone ?!?
    ***
    Ma che tristezza mó a sapette chiusa,
    là sola, su a l’incrocio, in fonno ar viale,
    nemmanco più er fioraro, ormai, te usa.
    ***
    Prodiggio der progresso nazzionale,
    t’hanno piombata, come ’na reclusa,
    pe daje spazzio a l’acqua minerale.

    Comment by Stefano — 4 Marzo 2017 @ 11:13
  2. Seraaaa!!! =rmai “er nasone” è ‘n pio ricordo de gente abbastanza anziana, ché li gioveni senteno racconta’ da li nonni. Magara ando’ abbito ce n’è rimasto uno a uso de ‘na frutteria e …… de li cani de passaggio.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 4 Marzo 2017 @ 17:43

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>