Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 marzo 2017

T’ho da parlà

T’ho da parlà

***

Si c’è ‘na frase che nun se sopporta,

spèce quanno che viè dar principale,

cioè er capoccia o un quarche caporale,

“T’ho da parlà, no mó, ma un’artra vorta”.

***

“T’ho da parlà” e già me prenne male,

ma dimmelo, che ciài memoria corta?,

ché me fai venì l’anzia, che te ‘mporta,

a te che magni, bevi e dormi uguale.

***

Si ciò da dì ‘na cosa a quarcheduno,

e nun lo posso fà in quer frangente,

aspetto già er momento più opportuno.

***

Pe dijela ne l’attimo presente,

no fàllo arovellà come nessuno,

spèce si poi da dì nun ciò un ber gnente.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Si c’è ‘na frase che nun se sopporta,
    spèce quanno che viè dar principale,
    cioè er capoccia o un quarche caporale,
    “T’ho da parlà, no mó, ma un’artra vorta”. … (continua)

    Comment by Stefano — 22 marzo 2017 @ 08:30
  2. Se c’è da dire qualcosa a qualcuno, la si dica e basta! “ti devo parlare”, detto così, sembra una minaccia. Tanto errori nella vita se ne fanno, e pure tanti!
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 22 marzo 2017 @ 09:15
  3. Bongiorno. M’hai da parla’? Ok. Dimmelo subbito, parlamone, ché dopo unu ci’ho tempo. Quante vòrte ho risposto cosi a quer tipo d’approcio. Sia se m’o diceva er cap’ufficio e sia che era er direttore commerciale ‘n perzona. Si c’è ‘n rospo è mejio levasselo subbito.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 22 marzo 2017 @ 09:20
  4. Se ci si comporta con onestà intellettuale non c’è nulla da temere, l’ansia ce l’ha chi sta con la coscienza sporca…

    Comment by Silvio — 22 marzo 2017 @ 10:55
  5. Il punto era il disturbo che dà l’espressione “ti devo parlare” senza che nulla si dica. Non ha senso. Mi devi parlare? Fàllo, qui e ora. Punto. Altrimenti mi parlerai quando potrai. Questa per me è educazione, prima di tutto il resto.

    Comment by Stefano — 22 marzo 2017 @ 12:36
  6. Bon pomeriggio. Chissà? Forse er sor Pallotta avrà da di’ a Totti e a Spalletti: Aho! V’ho da parla’!

    Comment by Romamor AsR'29 — 22 marzo 2017 @ 14:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>