Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

24 Aprile 2017

Er lunedì travestito da venerdì

Er lunedì travestito da venerdì

***

Che bello er lunedì si è travestito

da venerdì e guasi chiama er ponte

come ‘sto lunedì ch’ha tutte pronte

le vesti der riposo garantito.

***

‘Na vorta che te cambia l’orizzonte

e che nun t’avvelena inviperito,

lo vojo da esartà, ma sia chiarito

ch’è solo questo che ce sta de fronte.

***

Che viè tra ‘na domenica e ‘na festa

ch’è veramente de libberazzione

dar lunedì che sempre assai ce appesta.

***

Ma co pasquetta e questo d’eccezzione

so’ già du’ vorte che nun c’è protesta,

pe un lunedì così, solo ovazzione.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Che bello er lunedì si è travestito
    da venerdì e guasi chiama er ponte
    come ‘sto lunedì ch’ha tutte pronte
    le vesti der riposo garantito. … (continua)

    Comment di Stefano — 24 Aprile 2017 @ 07:25
  2. grande Stefano, sei bravissimo

    Comment di laura cugini — 24 Aprile 2017 @ 07:34
  3. Bongiorno de lunedì da genieri. Oggi ‘a maggior parte de l’impiegati se so’ trasformati ‘n “pontieri”. Tutti a fa’ ponti ‘ntra ‘na festività e ‘n’antra, ner mentre li ponti veri, quelli fatti cor cemento fasullo, crolleno.
    Viva l’Itaglia festajola. Ammazza aoh come cambieno li tempi: quanno se stava bene se cercava de lavorà pure pe le feste e mo, che dicheno che c’è ‘a miseria, se festeggieno pure li giorni lavorativi.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 24 Aprile 2017 @ 07:37
  4. Stamattina questo sito è molto divertente: tra la poesia di Stefano e il commento di “svardo” mi sono ricreata! Grazie!
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 24 Aprile 2017 @ 11:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>