Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

28 Aprile 2017

Pare novembre

Pare novembre

***

Ammazza che ber tempo da novembre.

Er cèlo griggio e piove e tira vento,

me giro attorno e guasi che la sento

è l’aria de Natale e de dicembre.

***

Da come so’ vestito ‘sto momento

co giacca e co majone ch’è bimembre,

de certo nun me pare mai settembre,

ma manco ottobbre devo dì a stento.

***

E pure er letto è ancora accopertato

e ne l’armadio er cambio de staggione

me pare un’artra vorta rimannato.

***

Me ne farò lo stesso ‘na raggione

e ‘sto week-end che ariva tutto un fiato

lo passerò a fà er “quattro de bastone”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Ammazza che ber tempo da novembre.
    Er cèlo griggio e piove e tira vento,
    me giro attorno e guasi che la sento
    è l’aria de Natale e de dicembre. … (continua)

    Comment di Stefano — 28 Aprile 2017 @ 08:33
  2. Bongiorno. Vie’ da di, pijanno a paragone, ‘na vecchia barzellettas artro senzo destinata: “Credevo, speravo, ma santo cielo. Si, credevo ch’era arivata primavera, speravo che reggesse ar bello, ma santo cielo no che diluviasse peggio de novembre-dicembre.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 28 Aprile 2017 @ 11:20
  3. Rispetto ar penziero de giorno, ch’ho da di’? Vojo credece pur’io ma, conoscenno er vizio d’a dea Atalanta, ce spero poco.

    Comment di Romamor AsR'29 — 28 Aprile 2017 @ 11:24
  4. E’ vero che oggi è proprio grigio, ma domani. se Dio vuole ci sarà il Soleeeeeeeee!!!!!!!!
    Per il Pensiero del Giorno, invece, io conosco i vizi della nostra amata ROMA! (è inutile sperare nelle altre squadre).
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 28 Aprile 2017 @ 12:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>