Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 Maggio 2017

Le “Renziarie”

Le “Renziarie”

***

Che lui festeggi me pare scontato,

dopo er 4 dicembre e la figura

ch’ha fatto da sembrà ‘na miniatura

e da sparì poi ne l’anonimato.

***

Invece co ‘sta sua candidatura

l’appoggio der partito a lui votato,

felice ride e dice: “So’ tornato,

pronto a ‘na nova mia leggislatura”.

***

Quarcuno che je spieghi che ‘sto voto,

intenno le primarie e com’è ita,

nun è l’Italia che j’ha dato moto.

***

Ma è come si giocassi ‘na partita

senz’avverzari e facessi foto

ar solo go’ ch’hai fatto e lì è finita!

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Che lui festeggi me pare scontato,
    dopo er 4 dicembre e la figura
    ch’ha fatto da sembrà ‘na miniatura
    e da sparì poi ne l’anonimato. … (continua)

    Comment di Stefano — 2 Maggio 2017 @ 08:16
  2. Bongiorno. Me pare da risenti’ er detto: ” Chi se loda se sbroda. Embeh, lasciamolo sbroda’ da solo e speramo d’arianna’ presto ar voto, ce pò esse’ aria che se ne va, ‘na vòrta pe tutte, co’ ‘a coda ‘ntra le gambe, propio come ‘n cane bastonato.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 2 Maggio 2017 @ 09:10
  3. Pinocchio è come spalletti: “se non vinco me ne vado” e stanno sempre lì. Ciao.
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 2 Maggio 2017 @ 11:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>