Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Maggio 2017

Deluso da l’uso

Deluso da l’uso

***

De che te meraviji? Sei deluso?

Nun t’aspettavi quer comportamento,

e nun è er primo, ché so’ armeno cento

le vorte in cui ce sei cascato fuso.

***

‘Gni sempre poi me chiami e io te sento

ripete come un disco rotto: “Ho chiuso!

Fa’ er bene e ciaricevi in faccia a l’uso

più carci tu che un pallone ar vento”.

***

Quanno l’imparerai che la fiducia

nun la pòi svenne ar primo che t’ammicca,

che pare scallà er còre, ma l’abbrucia.

***

Perché un affetto vero nun te ‘mpicca,

a tirà er collo, fin’a che se sdrucia,

ma vole er bene tuo e ce se picca.

 ***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. De che te meraviji? Sei deluso?
    Nun t’aspettavi quer comportamento,
    e nun è er primo, ché so’ armeno cento
    le vorte in cui ce sei cascato fuso. … (continua)

    Comment di Stefano — 3 Maggio 2017 @ 09:00
  2. La fiducia è come un vaso di ceramica, una volta rotto non sarà mai più la stessa cosa anche se si prova a rimettere insieme i cocci…

    Comment di Silvio — 3 Maggio 2017 @ 10:24
  3. Verissimo quello che hai scritto…..ma quanno uno ha er core bono c’aricasca sempre……

    Comment di Laura — 3 Maggio 2017 @ 11:23
  4. Laura ha ragione: è esattamente quello che penso anche io!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 3 Maggio 2017 @ 12:22
  5. Bonanotte. Se dice: “Famo a fidasse”; e fino a chè nun ariva ‘na provas contraria, fila tutto liscio. Se poi sgami che l’amico fa er furbo; se ‘ncrina er rapporto e, pò capita’ che, nun te fidi più de nessuno.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 3 Maggio 2017 @ 23:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>