Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

23 Maggio 2017

La fine ch’hai da fà

La fine ch’hai da fà

***

Si avevo l’aggettivo più appropiato,

poté qualificà in modo preciso

chi a Manchester stanotte infame ha ucciso,

l’avrebbe certamente utilizzato.

***

Ma nun ce l’ho pe te bastardo intriso

de merda in capoccia ch’hai bruciato

appresso a la tua fede de un malato

che nun pò meritasse un paradiso.

***

Posso solo sperà che giusto adesso

te trovi sotto ar culo de l’inferno

in bocca ar diavolaccio che t’ha messo …

***

… ner punto più anniscosto e più a l’interno

che puzza più der peggio zozzo cesso

e là ciài da restà pe un tempo eterno!

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Si avevo l’aggettivo più appropiato
    in grado de qualificà preciso
    chi a Manchester stanotte infame ha ucciso,
    l’avrebbe certamente utilizzato. … (continua)

    Comment by Stefano — 23 Maggio 2017 @ 08:36
  2. Maledettiiiii!!!!

    Comment by Laura — 23 Maggio 2017 @ 09:12
  3. Bastardi, che siano maledetti con le peggiori maledizioni.

    Comment by letizia — 23 Maggio 2017 @ 10:18
  4. Vigliacchi senza dignità!

    Comment by Silvio — 23 Maggio 2017 @ 10:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>