Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Luglio 2017

Je suis Charlie … Gard”

Je suis Charlie … Gard

***

Er pupo Charlie, a detta de ‘sta gente,

nun cià speranza de vedé matina,

je s’ha sortanto da staccà la spina,

fàllo morì come si fusse gnente …

***

… che chi l’ha messo ar monno ancor s’ostina

a daje retta a Dio e ‘sta corente

nun vole je se torga inutirmente,

a contrastà ‘sta granne medicina.

***

Pe corpa de ‘na legge tutta ingrese

‘sto pupo nun pò èsse trasferito

qui ar Bambin Gesù e a fà le spese …

***

… è ancora Charlie … e quanto è inviperito

perzino er Papa in mezzo a ‘ste contese,

ner mentre er pupo dorme e ciuccia er dito.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Er pupo Charlie, a detta de ‘sta gente,
    nun cià speranza de vedé matina,
    je s’ha sortanto da staccà la spina,
    fàllo morì come si fusse gnente … (continua)

    Comment di Stefano — 5 Luglio 2017 @ 08:38
  2. Io non lo so come si può decidere della vita degli altri…..se pensano de esse er Padreterno…..spero che non capiti mai a loro di trovasi n queste situazioni……

    Comment di Laura — 5 Luglio 2017 @ 09:12
  3. Il sistema britannico, che fa della libertà il proprio vanto, tratta la sua stessa popolazione come dei sudditi e non come cittadini. Tutti i diritti afferenti alla libertà, salute e dignità della persona, dovrebbero essere garantiti ovunque e costituzionalmente inviolabili e inalienabili.

    Comment di Silvio — 5 Luglio 2017 @ 09:51
  4. Ma pensano forse di sostituirsi a Dio?! Che cose assurde: la burocrazia non può permettere che il bimbo venga in Italia! Ma la facessero finita con queste scempiaggini. FORZA CHARLIE, siamo con te, resisti!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 5 Luglio 2017 @ 11:23
  5. Non avrei voluto commentare, in quanto sono diversamente posizionato in merito. Partecipo immensamente, il dolore dei genitori, ma se parliamo di “volere di Dio”, ad esso, non anteponiamo ciò che è artificiale, perché SI, con l’uso delle macchine ci anteponiamo a DIO. A volte Dio può sembrare crudele, ma i suoi disegni sono imperscrutabili.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 5 Luglio 2017 @ 16:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>