Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Marzo 2010

Er Grande Fratello

Tags: , , ,

grandefratello

Er Grande Fratello

***

Nun è ‘nvenzione ch’er Grande Fratello,

nun sia sortanto quello der programma,

che riempie arch’er più nano fotogramma,

a ripija’ reclusi ne l’ostello.

***

Quello che dico io è er vero dramma,

che pur aggendo quasi come quello,

ce scruta fino ar dentro der cervello,

manco si fosse ‘n’encefalogramma.

***

‘Gni passo che avanzamo è controllato,

satelliti, compiuter, raggi spia,

nun pòi di’ gnente che sei già tanato.

***

Nè pòi sfuggi, nimmanco scappa’ via,

da l’obbiettivo che t’ha già cioccato,

si no chiudendo l’occhi e così sia…

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. In tutto questo però ….hanno deciso che le intercettazioni ledono la privacy…… perchè riuscirebbero a far emergere tutte le malefatte dei nostri “rappresentanti”. Grazie Stefano per quest’altra perla.

    Comment di Massimiliano "Bariggio" — 9 Marzo 2010 @ 10:08
  2. Me pare de rivive li libri de fantascienza che leggevo da regazzino. Ce stava ‘n cervellone che controllava er penziero, nun solo quello che diceva o faceva, de tutta l’umanità. Finacché l’infimi nun se so aribellati fino a fallo svarvola’. Forse ‘n giorno li posteri ariusciranno a torna’liberi. Speramo mi nipote e che nun sia la fine der monno.

    Comment di 'svardo — 9 Marzo 2010 @ 12:08
  3. Da parte mia, dato che nun piace fa’ er guardone, nun l’ho mai visto. Tanta pubbricità pe’ fa ascorto e venne ancora “pubblicità”. “G.F.”, “Isole”, “Fattorie”, poi parlamo de “privacy”.

    Comment di 'svardo — 9 Marzo 2010 @ 12:13
  4. In realtà noi stessi viviamo in un reality…..

    Comment di Giuseppe — 9 Marzo 2010 @ 13:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>