Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Luglio 2017

Dar Vangelo der giorno: “er grano e la zizzania”

Dar Vangelo der giorno: “er grano e la zizzania”

***

“Er Regno è come quer seminatore

che semina er bon seme in sopr’ar campo,

ma mentre tutti dormeno, in un lampo,

viè a seminà zizzania er detrattore.

***

Così ner cresce questa nun dà scampo

e vole soffocà er frutto mijore,

le spighe de quer grano che dà amore,

ner mentre lei zizzania mette inciampo.

***

Li servi der seminatore giusto,

je chiesero ar padrone: “La tojemo

‘Sta robba che fa schifo e nun dà gusto?”

***

Ma quello j’arispose: “Nun la temo,

lassatela sortì co tutto er fusto,

inzieme ar grano, dico, e nun so’ scemo …

+++

… ché ar tempo de la mietutura aggiusto

le cose io e ar grano a spighe spremo,

co la zizzania ce faccio un combusto!”

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. “Er Regno è come quer seminatore
    che semina er bon seme in sopr’ar campo,
    ma mentre tutti dormeno, in un lampo,
    viè a seminà zizzania er detrattore. … (continua)

    Comment di Stefano — 23 Luglio 2017 @ 07:04
  2. Dopo la semina, la germinazione e la pulizia dagli infestanti. Il raccolto darà soddisfazione.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 23 Luglio 2017 @ 09:59
  3. Il Signore concede sempre al peccatore la possibilità di pentirsi.
    Buona Domenica!

    Comment di letizia — 23 Luglio 2017 @ 10:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>