Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 Marzo 2010

La democrazzia

Tags: , , ,

democrazia

La democrazzia

 

In uno Stato de democrazzia,

dovrebbimo trova’ modo e magniera,

de nun fa’ esse solo ‘na chimera,

che tutti sèmo uguali e così sia.

 

Ar giorno d’oggi conta la càriera,

sei degno de riguardo e cortesia,

solo si sei dell’arta-borghesia,

sinnò pari n’avanzo de galera.

 

La dignita’ dell’omo ‘n’ se misura,

dar grado c’ha raggiunto o dar lavoro,

dall’esse bello e noto o de curtura.

 

Degno de stima e massimo decoro,

nun è quello più ricco o chi fattura,

ma solo chi ner petto ha ‘n còre d’oro.

 

Stefano Agostino

____________________________

  1. Stefano, ti voglio bene…….

    Comment di Massimiliano "Bariggio" — 10 Marzo 2010 @ 11:59
  2. La DEMOCRAZIA, uno dei valori più importanti, l’unico che possa rendere un paese civile e giusto…è ormai solo un lontano ricordo. Grazie Stefano.

    Comment di Federica_Perla — 10 Marzo 2010 @ 12:16
  3. la democrazia è morta, purtroppo. Grazie Stefano, sei un mito.

    Comment di letizia — 10 Marzo 2010 @ 17:11
  4. Se, ‘a “Democrazia” ?!? Ma ando’ sta? A ciarle semo tutti democratici, ma poi penzamo solo ali casi nostri e a ‘n parmo dar ….. de dietro nun vedemo ghiente. Er prossimo nostro? Ma chi è? DX e sx se gonfieno la bocca de ‘sta parola e li arimane.

    Comment di 'svardo — 10 Marzo 2010 @ 18:14
  5. L’unica cosa democratica è LA MORTE…

    Comment di Principessa — 11 Marzo 2010 @ 16:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>