Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

31 Luglio 2017

‘Gni fine lujo

‘Gni fine lujo

***

Ariva fine lujo e so’ spremuto,

un anno de lavoro tutto addosso,

er callo, che nun reggo, a dà l’affosso

e cor lavoro che viè giù a imbuto.

***

Ma quann’è fine lujo godo grosso,

perché comincia er tempo più voluto,

pe riposamme e stà più de un minuto

a fà un ber gnente e guai a èsse scosso.

***

Ch’è come scavallà ‘gni arta cima,

ché fine lujo è er cijo o più la cresta

de la montagna ch’ho scalata prima.

***

Com’er preludio ar gusto de la festa

che apre come fa ‘st’urtima rima,

co ‘na vacanza ch’è già ne la testa.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Ariva fine lujo e so’ spremuto,
    un anno de lavoro tutto addosso,
    er callo, che nun reggo, a dà l’affosso
    e cor lavoro che viè giù a imbuto. … (continua)

    Comment di Stefano — 31 Luglio 2017 @ 08:45
  2. Buone vacanze a chi va in ferie e buon lavoro a chi è tornato!

    SEMPRE FORZA ROMA!
    Buona Giornata

    Comment di letizia — 31 Luglio 2017 @ 09:48

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>