Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 Agosto 2017

Giusto lucifero se pò chiamà

Giusto lucifero se pò chiamà

 ***

Cor nome dato ar diavolo sortanto,

potevano indicà ‘st’anciclone,

lucifero, minuscolo in raggione

der fatto che nun merita arcun vanto.

***

Temperature fòri de staggione,

co l’afa, che si tanto me dà tanto,

è solo un’elisione e dico quanto

de AFA…NCULO a l’arta pressione.

***

Er primo che dovesse fà un lamento,

quanno sarà de pioggia, freddo o ghiaccio,

de inverno, gelo, grandine e lo sento …

***

… pìo la rincorza, tutto quanto er braccio,

e je parcheggio in faccia anche contento,

‘sta mano … ché un autografo je faccio.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Cor nome dato ar diavolo sortanto,
    potevano indicà ‘st’anciclone,
    lucifero, minuscolo in raggione
    der fatto che nun merita arcun vanto. … (continua)

    Comment by Stefano — 2 Agosto 2017 @ 08:37
  2. Ok, lucifero è arivato e semo disperati dar gran càllo. Me vie’ da penza’ a tutti l’artr’anni, quanno de sti tempi ce divertivamo a còce ‘novo sur cofano d’a machina. Tutto er gran casino è, che mo’ li mezzi de comunicazzione ce anticipeno li cambiamneti meteorici, co’ li media che fanno terorismoner mentre ieri o l’artroieri arivaveno ‘e càllacciate senza tante tragedie ….. e faceva càllo pure allora.
    Nota Bene: allora nun cèreno li climatizzatori, solo quarche ventilatore.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 2 Agosto 2017 @ 09:18
  3. Bello e le due terzine sono fantastiche! svardo dice bene: è solo terrorismo, con la differenza che oggi anche la chiesa è climatizzata, per cui…….!
    Buon caldo!

    Comment by letizia — 2 Agosto 2017 @ 13:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>