Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

19 Settembre 2017

La “chikungunya”

La “chikungunya”

***

Mancava, in de quest’epoca de sugna,

de schifi, nefandezze e cose amare,

‘sta cosa che ce viè da le zanzare,

ma quelle tigri, ch’è la “chikungunya”.

***

‘Na malatia così tra quelle rare,

che porta febbre arta e corpo a prugna,

dolori da svenì e ce vò la spugna

contr’er sudore e prima che scompare.

***

E già se parla de un sacco de casi,

pe corpa de la disinfestazzione,

che nun s’è fatta pe cavilli evasi.

***

Tocca sperà ar più presto ne l’azzione

de Autunno e Inverno che a fasi e fasi

caccino via ‘st’inzetti e ‘sta staggione.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Mancava, in de quest’epoca de sugna,
    de schifi, nefandezze e cose amare,
    ‘sta cosa che ce viè da le zanzare,
    ma quelle tigri, ch’è la “chikungunya”. … (continua)

    Comment di Stefano — 19 Settembre 2017 @ 05:44
  2. Brutta bestia ‘sta zanzaraccia, come in ogni cosa la prevenzione è l’arma più saggia e più potente!

    Comment di Silvio — 19 Settembre 2017 @ 10:08
  3. Anche le zanzare sono migranti!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 19 Settembre 2017 @ 10:36
  4. Sartve! Pe sta zanzaraccia ce vòle ‘n’insetticida speciale; quelli normali je fanno ‘n baffo! Ormai so’ diventate stanziali. Tempo fa’ ho letto che so’ arivate co ‘n carico de vecchie gomme d’auto, nun so perché, arivato da l’Africa.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 19 Settembre 2017 @ 15:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>