Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 Agosto 2019

A un amico innammorato

A un amico innammorato

***

Penzavi nun potesse più succede,

che aribbatteva in petto quer rumore,

quello che sempre serve a scallà er còre,

che te lo chiedi e nun lo riesci a crede.

***

Che nun pòi definì de certo amore,

ma è un quarche cosa che, chi te lo chiede,

l’ha già capito solo che te vede,

e che vorebbe vive cor tuo ardore.

***

E invece se presenta un’occasione,

che nun lo sai er perché, ma è li davanti,

come la guardi già te viè er fiatone.

***

E t’aritrovi che fischietti e canti,

in mezzo a un coro intero de perzone,

che pareno anni luce più distanti.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Penzavi nun potesse più succede,
    che aribbatteva in petto quer rumore,
    quello che sempre serve a scallà er còre,
    che te lo chiedi e nun lo riesci a crede. …

    Comment di Stefano — 16 Agosto 2019 @ 07:04
  2. Ciao Stefano, se questa bella cosa descrivi è capitata oggi a te, ti faccio tanti, tanti Auguri!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 16 Agosto 2019 @ 11:55
  3. …….che intendere non puo’…….chi non lo prova!

    Comment di romano cb — 16 Agosto 2019 @ 12:39
  4. Vivere l’innamoramento è sempre bello, ma quando accade a persone non più giovanissime diventa ancora più prezioso e forte.
    C’è una bellissima canzone di battiato che secondo me descrive la situazione, “La stagione dell’amore”. Da ascoltare

    Comment di Pablo BigHorn — 16 Agosto 2019 @ 18:45
  5. Letizia, non è per me … grazie comunque

    Comment di Stefano — 17 Agosto 2019 @ 06:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>