Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

23 Dicembre 2017

Juventus – Roma

Juventus – Roma: 1-0

***

Stavorta devo dì che fa più male,

pe com’è annata un po’ tutta la gara,

co ‘na sconfitta ch’è davero amara

che nun ce vole mai, se sa, è normale …

***

… ma qui c’è ‘na tristezza che rincara

che viè ner tempo esatto der Natale,

cor go’ de l’ex e sbajo ner finale

co “coso” che su Schick s’avventa e para.

***

La Roma che però ha tenuto testa

ar punto da rischià pure er pareggio

è ‘na certezza che arimane questa.

***

Peccato perché nun toji l’ormeggio,

e vai a passà ‘sti giorni qui de festa

che sò inizziati già in der modo peggio.

***

Stefano Agostino

***

  1. Stavorta devo dì che fa più male,
    pe com’è annata un po’ tutta la gara,
    co ‘na sconfitta ch’è davero amara
    che nun ce vole mai, se sa, è normale … (continua)

    Comment di Stefano — 23 Dicembre 2017 @ 23:39
  2. Mah! E’ ita cosi; se poteva pareggia’, ma dopo e golle (pe’ loro gran culata), j’è bastato fifeene e controlla’ ‘a partita. Co ‘a Juve che gioca “ar gatto cor sorcio”, nun ce fai gniente, se nun butti l’omo ortre ‘a difesa e nun becchi ‘a traverza.
    Forza Roma, pò esse che ce divertimo ar ritorno.!!!

    Comment di Romamor AsR'29 — 23 Dicembre 2017 @ 23:51
  3. Sono avvelenata: questa maledetta proprietà vende i giocatori buoni e compra quelli rotti! Così non si va da nessuna parte.
    Buona Giornata (la mia oggi è pessima).

    Comment di letizia — 24 Dicembre 2017 @ 11:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>