Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

22 Marzo 2010

Li sette colli

Tags: , , ,

sette colli

Li sette colli

 

Er primo, er più antico, è l’Aventino,

se passa poi via via ar Viminale,

cui normarmente segue er Quirinale,

prima de chiama’ in causa l’Esquilino.

 

C’è er Celio, quindi, ‘ndo sta l’ospedale,

der marinaio come dell’arpino,

vicino ar Colosseo c’è er Palatino,

a chiude er Campidojo, er più centrale.

 

E’ su sti colli che s’adaggia Roma,

a cui ho ‘mpacchettato sti sonetti,

pe’ falli intènne mejo, ner suo idioma.

 

Ma co’ ste strofe qui e sti versetti,

ho solo messo in rima quest’assioma:

che Roma s’ama co’ preggi e difetti.

 

Stefano Agostino

______________________________

  1. Il mio preferito è l’Aventino… sarò un po’ snob?

    Comment di Principessa — 22 Marzo 2010 @ 11:06
  2. Ogni colle tie’ ‘na storia e come ‘no scrigno è pieno de bellezze. Dell’Aventino godi er terazzo de l’Aranci e la visione der Palatino, che custodisce la culla de’ ‘sta città. Ner tempo a ‘sti colli se so’ aggiunti artri e, pure loro, carichi de bellezze: er Gianicolo e er Pincio. Dai sette colli e più, se forma ‘na collana de perle che nessun turista se scorda più.

    Comment di 'svardo — 22 Marzo 2010 @ 11:18
  3. Roma è sempre bella, puoi saltare da un colle all’altro, tutto è storia, è magia, è poesia…proprio come i tuoi sonetti Stefano.

    PS…il pensiero del giorno è fantastico 🙂

    Comment di Federica_Perla — 22 Marzo 2010 @ 12:09
  4. Non c’è Parigi, Venezia, Londra, Praga o Barcellona: Roma è sempre Roma!

    Comment di Silvio — 22 Marzo 2010 @ 16:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>