Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

12 gennaio 2018

Er mejo venerdì de l’anno

Er mejo venerdì de l’anno

***

La prima settimana de lavoro

der novo anno è la più impegnativa,

che se immoviola quanno ha inizziativa,

ma chiude li battenti … bontà loro.

***

È peggio de la post-pausa estiva,

perché viè de gennaio che, a decoro,

è er mese freddo, buio e senza un oro

che sia da festeggià in comitiva.

***

Perciò ‘sto venerdì, tra li fratelli,

l’artri cinquantadue in tutto l’anno,

è quello co più applausi e scampanelli.

***

Ché più de tutti l’artri che ce stanno

fa già apprezzà quanto sò granni e belli,

li giorni der week-end che mó veranno.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. La prima settimana de lavoro
    der novo anno è la più impegnativa,
    che se immoviola quanno ha inizziativa,
    ma chiude li battenti … bontà loro. … (continua)

    Comment by Stefano — 12 gennaio 2018 @ 05:47
  2. Bon giorno e speramo che sto tempo s’arimette ar bello. Cmq, sempre VIVA er venerdì, sia de 13 o de 17 e nun ce ne frega ‘n’ette.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 12 gennaio 2018 @ 09:15
  3. Un venerdì con i fiocchi. Al solito delirio di traffico di tutti i venerdì si deve aggiungere la pioggia che paralizza la città e oggi anche lo sciopero dei mezzi, tutto ciò in un periodo di scuole aperte. Insomma non ci facciamo mancare niente. Ma come tutti i venerdì è sempre benedetto, benvenuto e accolto con gioia!

    Comment by Silvio — 12 gennaio 2018 @ 09:50
  4. Evviva il Venerdì: preludio al riposo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 12 gennaio 2018 @ 10:41

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>