Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Gennaio 2018

Dar Vangelo der giorno: “li primi discepoli”

Dar Vangelo der giorno: “li primi discepoli”

***

E lì er Battista disse: “Ecco l’Agnello,

de Dio che toje li peccati ar monno,

più nun seguite me, ma fino in fonno

annate appresso a Lui, còre e cervello”.

***

Così che li discepoli, co sfronno,

seguirono Gesù, grazzie a ‘st’appello,

circa a le quattro, un pomeriggio bello,

che je cambiò la vita in der profonno.

***

Gesù li vide e disse: “Che cercate?”

Risposero, ner fasse avanti un metro,

-” ‘ndó abbiti, Rabbì?” – “Voi lo guardate, …

***

… si seguitate qua a venimme addietro” – 

Andrea e Simone, primi e l’artri a rate,

Simone, che Gesù poi chiamò Pietro. 

 ***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. E lì er Battista disse: “Ecco l’Agnello,
    de Dio che toje li peccati ar monno,
    più nun seguite me, ma fino in fonno
    annate appresso a Lui, còre e cervello”. … (continua)

    Comment by Stefano — 14 Gennaio 2018 @ 09:17
  2. Anche noi dovremmo seguire Gesù per diventare migliori!
    Buon pomeriggio<.

    Comment by letizia — 14 Gennaio 2018 @ 15:50

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>