Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Gennaio 2018

Io bene e tu?

Io bene e tu?

***

E si nun fusse manco un poco vero

quer “bene” che t’ho detto pe risposta

a la domanna, quella che m’hai posta

co quer tuo: “Come stai?” detto leggero?

***

Si t’ho risposto “bene”, è ché me costa

de stà a dì come sto, dico, davero,

e me verebbe qui d’èsse sincero

e ditte che me cruccio senza sosta.

**

Ma sta’ sicuro che quest’artra vorta

come che score er sangue ne le vene,

io t’aricconto de ‘gni cosa storta.

***

E lì me sfogo un po’ de impicci e pene …

ma tanto ce lo so che nun te ‘mporta,

e ar tuo “Ciao, come stai?”, risponno: “Bene!”

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. E si nun fusse manco un poco vero
    quer “bene” che t’ho detto pe risposta
    a la domanna, quella che m’hai posta
    co quer tuo: “Come stai?” detto leggero? … (continua)

    Comment di Stefano — 15 Gennaio 2018 @ 05:53
  2. “ciao come stai?” è un classico a cui nessuno si aspetta una risposta!
    Buon Pomeriggio!

    Comment di letizia — 15 Gennaio 2018 @ 16:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>