Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

17 Gennaio 2018

Mostri

Mostri

***

Nun vojo ariccontà che avete fatto,

tarmente me fa schifo e nun l’ammetto,

quer che ve vojo dì co ‘sto sonetto

è che pe voi nun c’è condanna o atto …

***

… che possa rimedià a quer che s’è letto,

la casa de l’orori e de quer ratto

che solo che ce penzo ce esco matto,

nun c’è condanna che paghi l’effetto.

***

Nun posso che auguramme pe l’eterno

che annate giù a brucià senza ‘na sosta

a ustionavve tutto ne l’inferno.

***

Da li capelli zozzi, e er che v’accosta,

fin’a li piedi lerci ne l’interno,

pe poi aricomincià e rifallo apposta.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Nun vojo ariccontà che avete fatto,
    tarmente me fa schifo e nun l’ammetto,
    quer che ve vojo dì co ‘sto sonetto
    è che pe voi nun c’è condanna o atto … (continua)

    Comment di Stefano — 17 Gennaio 2018 @ 06:11
  2. Che siano maledetti per l’eternità!

    Comment di Laura — 17 Gennaio 2018 @ 08:47
  3. E’ de certo quarcosa de ‘mpensabbile! Impossibbile cerca’ de capi’ quello che nun j’ha funzionato ner cervello. Vojo solo sperà che nun li fanno passa’ pe’ matti, tanto da rinchiudeli ar manicomio, ma consideralli de bòna cognizzione e condannalli ar carcere a vita, segregati com’anno tenuto li fiji e bastonati 24 ore su 24, senza faje pija sonno.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 17 Gennaio 2018 @ 15:03
  4. Che pezzi di sterco, maledetti per l’eternità! e non dico altro.
    Buon pomeriggio.

    Comment di letizia — 17 Gennaio 2018 @ 15:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>