Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

19 Gennaio 2018

Quaranta giorni oggi a l’elezzioni

Quaranta giorni oggi a l’elezzioni

***

Quaranta giorni oggi a l’elezzioni,

nun ne potemo più già solo adesso,

cor solito via-vai, sempre lo stesso,

granni promesse e grossi paroloni.

***

Quello che taja tasse e quello appresso

che tutte le certezze e soluzzioni,

e quello che sistema le penzioni,

lavoro, scòla e sanità, pe nesso.

***

Quaranta giorni ancora de comizzi,

tribbune elettorali e propaganna,

de urla e strilli, d’artri lazzi e frizzi.

***

Cor popolo de fronte a l’imbarazzo

de nun sapé risponne a la domanna,

“Che voto a fà? Tanto nun cambia un cazzo”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Quaranta giorni oggi a l’elezzioni,
    nun ne potemo più già solo adesso,
    cor solito via-vai, sempre lo stesso,
    granni promesse e grossi paroloni. … (continua)

    Comment di Stefano — 19 Gennaio 2018 @ 05:42
  2. Chissà a quali ladroni andranno più voti! Tanto l’andazzo è sempre lo stesso.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 19 Gennaio 2018 @ 11:24
  3. Che amarezza!

    Comment di Silvio — 19 Gennaio 2018 @ 11:50

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>