Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

20 Gennaio 2018

Daje ch’è sabbato

Daje ch’è sabbato

***

E ariva pure er sabbato ‘gni tanto,

‘gni sette giorni? … è sempre troppo poco,

dovrebbe fà sueggiù qui, pressappoco,

‘na vorta ogni du’ giorni co un impianto …

***

… che bruci er lunedì e je dia foco,

ce lassi solo quelli festa o santo,

du’ giorni de lavoro e poi de ‘ncanto,

t’ariva un artro sabbato pe gioco.

***

Nun se pò fà purtroppo e pe ‘sto fatto

è bene da godesselo ‘sto giorno,

co gusto, vista, udito, naso e tatto.

***

Ché prima che farà un artro ritorno,

tutti schierati in fila pe contratto,

l’artri ripasseranno a dì … “bongiorno”.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. E ariva pure er sabbato ‘gni tanto,
    ‘gni sette giorni? … è sempre troppo poco,
    dovrebbe fa sueggiù qui, pressappoco,
    ‘na vorta ogni du’ giorni co un impianto … (continua)

    Comment by Stefano — 20 Gennaio 2018 @ 07:34
  2. Bella questa poesia e la foto del micio è un non plus ultra (io sono un’amante dei gatti e dei felini in genere).
    Buon sabato a tutti!

    Comment by letizia — 20 Gennaio 2018 @ 11:19
  3. Ok! Piamo nota! Quanno er nòvo monno arisorgerà da le ceneri de questo manifesteremo d’organizza’ ‘e settimane co 4 giorni: Sabato, Domenica, Martedi e Venerdì. S’avranno da aboli’: Lunedì, Mercoledì e Giovedì, solo nei quali potrà piove’.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 20 Gennaio 2018 @ 23:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>