Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

11 febbraio 2018

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er lebbroso”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er lebbroso”

***

Venne a Gesù un lebbroso inginocchioni

a suppricallo de guarì er tormento,

Gesù disse: “Lo vojo” e in quer momento

quer tale fu guarito senza unzioni.

***

Ma poi aggiunze: “T’ho torto er lamento,

ma nun dì gnente de ‘ste guariggioni,

ma va’ dar sacerdote a fà l’azzioni

prescritte da Mosè a intennimento”.

***

Ma quello appena che s’è allontanato,

cominciò a tutti a ariccontà la cosa,

de com’era guarito e risanato.

***

Ché pe evità d’èsse braccato certo

da li malati e genti a frotte e a iosa,

Gesù se ritirò in mezzo ar deserto.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Venne a Gesù un lebbroso inginocchioni
    a suppricallo de guarì er tormento,
    Gesù disse: “Lo vojo” e in quer momento
    quer tale fu guarito senza unzioni. … (continua)

    Comment by Stefano — 11 febbraio 2018 @ 07:37
  2. Molto belli questi versi del “Vangelo del Giorno”! Gesù ci guarisce dei nostri mali e ci perdona i peccati!
    Buon Pomeriggio!

    E sempre Forza ROMA!

    Comment by letizia — 11 febbraio 2018 @ 16:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>