Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

5 marzo 2018

Ciao Davide

Ciao Davide

***

Ancora nun lo riesco manco a crede

che un battito de cija e sei volato

in Cèlo, come un soffio, via, lanciato

su un campo dove nun te se pò véde.

***

Come pò èsse? E qui me manca er fiato,

e le parole tutt’a un tratto a cede

er posto a quer silenzio che te chiede

chissà mó ‘ndó starai, su quale prato?

***

Penzo a chi lassi soli, donna e fìa,

parenti, amici e l’artri giocatori,

a cui j’hai torto qui la compagnia.

***

Ma poi vojo penzà a quer tuo soriso,

li go’ che segnerai e a come córi,

a abbraccicà tifosi in Paradiso.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Ancora nun lo riesco manco a crede
    che un battito de cija e sei volato
    in Cèlo, come un soffio, via, lanciato
    su un campo dove nun te se pò véde. … (continua)

    Comment by Stefano — 5 marzo 2018 @ 05:29
  2. Manco io ce posso crede ancora, a qua’ notizia de ieri matina. Se vede ch’alla squadra der cielo mancava ‘n bravo centrale. 31 anni, lascia una giovane moglie e un figliola. R-I.P. amen!

    Comment by Romamor ASR'29 — 5 marzo 2018 @ 08:17
  3. Sono rimasto incredulo anch’io alla morte di un atleta trentunenne, Davide Astori era ancora un ragazzino. E’ un dolore enorme per la famiglia e per tutto il mondo del calcio, avremo tutti un ricordo tenero e affettuoso di lui!

    Comment by Silvio — 5 marzo 2018 @ 09:53
  4. Sono rimasta colpita da questa morte: ma uno sportivo non viene regolarmente visitato dai medici, com’è possibile una cosa simile?! Mi dispiace tanto. Una preghiera per lui. R.i.P.
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 5 marzo 2018 @ 10:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>