Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Marzo 2018

A Fabrizio Frizzi

A Fabrizio Frizzi

***

Stavorta salutamo un perzonaggio,

co ‘na tristezza forte indentr’ar còre,

se n’è ito Lassù un gran signore,

a cui nun resta che augurà bon viaggio.

***

De lui ce rimarà com’er sapore,

de uno de famija e d’omo saggio,

che co umirtà e un soriso da miraggio

oggi fa piagne anch’er televisore.

***

‘Na lacrima che scenne e taja e ustiona

er viso mentre l’occhi guasi strizzi,

ner vòto che ce lassa e che arintrona.

***

Rimasto come ar tempo de l’inizzi

se ne va via ‘na gran bella perzona,

… GRAZZIE speciale a te, Fabrizio Frizzi.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Stavorta salutamo un perzonaggio,
    co ‘na tristezza forte indentr’ar còre,
    se n’è ito Lassù un gran signore,
    a cui nun resta che augurà bon viaggio. … (continua)

    Comment by Stefano — 26 Marzo 2018 @ 17:15
  2. Buongiorno. Purtroppo uno dei pochi buoni e bravi della TV pubblica che va, lasciandoci in eredità il ricordo delle sue belle espressioni. Ciao Fabrizio R.i P.

    Comment by 'svardo — 27 Marzo 2018 @ 07:49
  3. Resta il ricordo di una persona garbata, un vero gentleman della tv che si distingueva per il suo stile semplice ma elegante. Se ne va un uomo buono che si è fatto voler bene dalla gente. Che la sua anima riposi nel mondo dei giusti!

    Comment by Silvio — 27 Marzo 2018 @ 08:50
  4. Mi sento un nodo in gola, è come se fosse morto un mio fratello speciale. Addio Fabrizio, R.i.P. accanto al Signore, Lui ti ha voluto con Se.
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 27 Marzo 2018 @ 11:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>