Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 Giugno 2018

2.6.18 – Festa de la Repubblica

2.6.18 – Festa de la Repubblica

***

E pe ‘na vorta che sento ‘sta Festa,

come pe un giorno novo p’er Paese,

novo Governo, co speranze e attese,

che nun s’aricordava più la testa.

***

Co l’occhi bene aperti a quali imprese

adesso sò chiamati e a chi contesta

io chiedo solo, poi fai la protesta,

aspetta, daje solo quarche mese.

***

Ché a cambià reggistro ce vò poco,

ma nun se pò pretenne che domani

già tutto torni apposto ar propio loco.

***

Ma ‘sto Governo oggi sa de balia,

che pò fà cresce tutti noi italiani,

evviva la parata, daje Italia !!!

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. E pe ‘na vorta che sento ‘sta Festa,
    come pe un giorno novo p’er Paese,
    novo Governo, co speranze e attese,
    che nun s’aricordava più la testa. … (continua)

    Comment by Stefano — 2 Giugno 2018 @ 11:06
  2. Stiamo a vedere cosa combineranno: io a questi ci credo poco poco. Comunque, buona festa della Repubblica e Buona Giornata!

    Comment by maria letizia — 2 Giugno 2018 @ 11:20
  3. Er Governo è nòvo, co’ quarche ex. Intra li nòvi ce sta gente der popolo che nun se sa si capisce de come se overna. Vojo esse’ fiducioso, ma attento e, se dovess’anna’male, sbolognalli. Certamente, essenno du’ corenti ‘n pò diverze, pò esse’ che se sfiducieranno vicendevormente.

    Comment by 'svardo — 2 Giugno 2018 @ 16:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>