Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

14 Gennaio 2019

Mannaia settimanale

Mannaia settimanale

***

Ritorna sempre, come ‘na cambiale,

t’ariva addosso a mo’ de ghijottina,

ma come che? Er lunedì matina,

pe quanto tu pòi fà, lui te viè uguale.

***

Uguale, se conzerva in naftalina,

cor suo sapore de chi s’arza male

mai che ciavesse un’ombra de speciale,

rispetto a quello prima a cui s’abbina.

***

Si l’ho rimato centro artre vorte,

è er modo mio pe dì dove lo piazzo

in graduatoria de giornate storte.

***

Nun è ‘na corpa mia, nun me sollazzo, 

è er lunedì che come apre le porte,

abbasta già così e m’ha rotto er c…. !!!

***

Stefano Agostino

_______________________________

****

  1. Ritorna sempre, come ‘na cambiale,
    t’ariva addosso a mo’ de ghijottina,
    ma come che? Er lunedì matina,
    pe quanto tu pòi fà, lui te viè uguale. … (continua)

    Comment by Stefano — 18 Giugno 2018 @ 04:32
  2. E’ come una medicina cattiva, se ne sente il saporaccio in bocca ed è ripugnante anche il retrogusto. Ahò il lunedì è così purtroppo, arriva puntuale e dobbiamo farcene una ragione, va affrontato come nella vita tutte le cose meno piacevoli. A nottata ha da passà…

    Comment by Silvio — 18 Giugno 2018 @ 10:32
  3. E’ senza ombra di dubbio l’argomento più trattato e rimato nei tuoi versi, qualcosa dal quale è impossibile sfuggire, che inesorabilmente torna sempre e si ripete all’infinito. Anche Vasco Rossi di lui cantava “odio quel giorno lì”…

    Comment by Silvio — 14 Gennaio 2019 @ 09:22
  4. E si il giorno più brutto (per chi va al lavoro) viene puntualmente per 4 o 5 volte al mese e non ci si può fare niente! E pure alle volte non è poi così brutto!
    Buon Lunedì.

    Comment by letizia — 14 Gennaio 2019 @ 11:53
  5. Evviva er lunedì!!! Evita ar cervello de penza’ ar domani. Te potevi rattrista’ ieri, pensanno a oggi, ma oggi è ormai fatta e nun ce devi da penza’ più. Hai solo da punta’ dritto ar venerdì, senza reminiscenze. Quanno er lunedì matina ce svejamo, guardamo er calendario e cercamo e venerdì, te pare già d’essece! Daje! Na bella stiracchiata d’ossa e via alo sgobbo! Arivedemece domani, ch’è venerdì!

    Comment by 'svardo — 14 Gennaio 2019 @ 16:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>