Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Giugno 2018

A Simone e Paola

A Simone e Paola

***

Ve auguro de còre tutto er bene

da costruì ‘gni giorno stanno accanto,

come se dice, ne la gioia e er pianto,

ma er pianto sia de gioia e no de pene.

***

Ve auguro ‘na vita inzieme a incanto,

tanti momenti  a firm co vere scene,

in cui vive la vita a piene vene,

in cui ‘gni giorno conta e pure tanto.

***

Da oggi co ‘sto “Sì” e p’er futuro,

abbraccicateve più forte stretti,

quanno che c’è ‘no scojo ch’è più duro.

***

Quanno nun c’è, strigneteve li petti,

ch’è un modo, ch’è de certo er più sicuro,

pe dimostrà er TI AMO ne l’effetti.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Ve auguro de còre tutto er bene
    da costruì ‘gni giorno stanno accanto,
    come se dice, ne la gioia e er pianto,
    ma er pianto sia de gioia e no de pene. (continua)

    Comment di Stefano — 25 Giugno 2018 @ 10:02
  2. Oggi credere ancora nel matrimonio è un eroico atto di fede. Auguri agli sposi per una felice vita insieme!

    Comment di Silvio — 25 Giugno 2018 @ 10:47
  3. “…abbraccicateve più forte stretti, quanno che c’è ‘no scojo ch’è più duro.” Parole sante da ricordare sempre!
    Tantissimi Auguri di cuore agli sposi per una vita piena di amore!
    Buona Giornata!

    Comment di maria letizia — 25 Giugno 2018 @ 11:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>