Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

21 Luglio 2018

Ma è staggione ?!?

Ma è staggione ?!?

***

Fa callo che se coce – “Ma è staggione”

senti arisponne da chi poi de inverno

nun fa che lamentasse in sempiterno

der freddo che lo manna in depressione.

***

Un tempo l’areggevo er callo esterno,

l’estate, er mare, er sole, l’ombrellone,

vabbè ero un pischello è la raggione,

ma certo nun ce stava mai ‘st’inferno.

***

Co ‘st’afa che t’opprime er cèlo giallo,

che te respiri l’acqua più che l’aria,

pòi arifiatà solo ar canto der gallo.

***

“È er tempo suo” – ho capito, ma nun varia,

che a ‘sto callo nun ce faccio er callo,

scusate la “freddura” necessaria.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Fa callo che se coce – “Ma è staggione”
    senti arisponne da chi poi de inverno
    nun fa che lamentasse in sempiterno
    der freddo che lo manna in depressione. … (continua)

    Comment by Stefano — 21 Luglio 2018 @ 07:06
  2. Che sia ‘a staggione sua, è ‘n conto; che fa troppo callo è ‘na reartà. Ner tempo passato c’ereno li cosidetti: “temporli estivi” a macchia de leopardo; passaveno e restava l’aria arifrescata. Adesso arivano nubifragi che creeno solo danni. No! Nun è ‘a staggione sua, è er monno ch’è ‘mpazzito.

    Comment by 'svardo — 21 Luglio 2018 @ 07:30
  3. Il clima ormai è quello che è: i meteorologi danno la colpa a questo e a quello, ma in realtà nessuno sa perché c’è questo clima. Tocca sopportare! Comunque anche tanto tanto tempo fa d’estate faceva un bel caldo afoso e forse oggi non lo sopportiamo più.
    Buona Giornata afosa.

    Comment by maria letizia — 21 Luglio 2018 @ 12:06

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>