Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

24 Luglio 2018

Er malinteso

Er malinteso

***

A vorte basta ‘na parola a uffa,

pe fà scoppià da subbito le risse,

senza spiegasse mai, senza capisse,

succede che de un tratto ce se azzuffa.

***

Occhiate che se fanno torve e fisse,

provà a chiarì, fa solo che artra fuffa,

e s’arza un porverone de baruffa,

che nun se carma mai senza ferisse.

***

E basterebbe poco ar malinteso,

pe appianà la cosa e aggiustà er tiro,

senza arivà a odià fra chi s’è preso.

***

Ché strigni strigni a allargà ‘sto giro

tra le nazzioni in guera, er più è dipeso

da avé fatto tempesta de un sospiro.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. A vorte basta ‘na parola a uffa,
    pe fà scoppià da subbito le risse,
    senza spiegasse mai, senza capisse,
    succede che de un tratto ce se azzuffa. … (continua)

    Comment by Stefano — 24 Luglio 2018 @ 05:45
  2. L’anticorpo per neutralizzare un malinteso, un equivoco, un qui-pro-quo, è spegnere la suscettibilità, evitare sempre reazioni impulsive e mantenere la giusta calma per dare o chiedere spiegazioni.

    Comment by Silvio — 24 Luglio 2018 @ 09:27
  3. Quando qualcuno permaloso e suscettibile ha deciso di offendersi è quasi impossibile cercare di parlare e dare delle spiegazioni: l’unica cosa è stare zitti e rispondere si o no, altrimenti sono zuffe e musi lunghi!
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 24 Luglio 2018 @ 11:00
  4. Cerco sempre, ner possibbile, de fa’ patti chiari e de chiari’ subbito ‘a cosa capìta pe’ storto. Li ripensamenti a di’, dopo quarche tempo: “ma te sei sbajato, dicevo cicoria e, ‘nvece, hai’nteso cicuta”; nun vargheno mòrto e lasseno, quasi sempre, er tempo che troveno.

    Comment by 'svardo — 24 Luglio 2018 @ 12:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>